martedì 12 febbraio 2013

L'equidistanza di Crozza


A proposito di Crozza che pochi o tanti fischiano a Sanremo, una personalissima opinione. Crozza è un comico? Certamente. Fa politica? Certamente. E' equidistante? No, non si può essere equidistanti, nessuno è equidistante. Si deve tacere di politica durante la campagna elettorale? Ma le convinzioni non si formano solo in campagna elettorale. Poiché i comici sono di sinistra dovrebbero tacere sempre? Allora dovremmo tacere tutti, a destra e a sinistra: i giornali non dovrebbero influenzare i lettori, i padri non dovrebbero influenzare i figli, il parrucchiere non dovrebbe influenzare il cliente. Ognuno chiuso, senza occhi e orecchie. Ma di cosa stiamo parlando?