domenica 13 settembre 2015

Renzi a New York


Le polemiche sul viaggio di Renzi a New York per assistere al trionfo italiano agli Open Usa, mi sembrano innanzitutto pretestuose. L'opposizione o gran parte di essa purtroppo avrebbe protestato anche per l'opposto, se il premier cioè non fosse andato. Da oppositore convinto di Renzi e della sua narrazione dico che non è questa l'opposizione che voglio. Preferisco un' opposizione capace di riconoscere che alcune scelte sono semplicemente opinabili. Oper Usa o Fiera del Levante. E che alcune possono essere addirittura giuste. Impossibile anche per il peggiore premier sbagliare tutto. Anche Craxi, anche Berlusconi, anche Mussolini fecero qualcosa di giusto, pur procurando disastri. Inoltre questa futile polemica è un regalo a Renzi. Lui nelle battutine sul nulla costruisce consenso e personale fortuna.