martedì 30 gennaio 2018

Tenere a bada la faziosità


Mi è successo anche stamani. Dal mio tabaccaio trovo la solita fila. Non comprano sigarette. Sono mature signore che comprano "gratta e vinci", "il milionario", "il miliardario" e cose così. Non riesco a vincere il fastidio. Non è per la fila. E' per l'irrazionalità. E' per quella che sento come stupidità assoluta. Giocare in un gioco da bari, in cui chi gioca, a conti fatti, perde sempre. Ma non so bene perché io debba essere tanto infastidito. Più di altri. Per curare il fastidio mi dico che io sono peggiore delle mature signore. Loro ci rimettono denaro grattando qua e là. Io ci rimetto salute comprando ancora sigarette nella mia lotta senza fine col tabagismo. Sono più stupido io. Sono più masochista io. Faccio da tempo questo esercizio critico. Ma evidentemente non basta. Forse mi sento superiore proprio perché sono capace di giudicarmi. In me c'è il tabagista. E al contempo c'è chi giudica il tabagista. Difficile imparare a non piacersi. Difficile vincere la superbia. Continuo a provarci.