sabato 30 novembre 2013

La magistratura politicizzata


Non si possono e non si debbono contraddire a sproposito Berlusconi e i suoi lacchè. Quando dicono che la magistratura è politicizzata hanno ragione. Purtroppo. Come si fa a pensare che la giustizia e tutto l'apparato circostante (a partire dalla politica) sia imparziale? Non esistono arbitri totalmente imparziali né nei campi sportivi né nei tribunali. Sempre l'arbitro è condizionato dal fattore campo. Talvolta dagli scambi utili alla carriera. Talvolta addirittura dal denaro. Previti, ad esempio, docet. Più o meno come ovunque. Da noi un po' di più. E sempre con una attenzione maggiore verso i big ed i colletti bianchi (con eccezioni, ovviamente). Infatti è del tutto evidente che uno dei maggiori criminali della storia d'Italia l'ha fatta franca ed ha evitato la galera grazie non solo alle leggi ad personam ed alle risorse legali impiegate, ma anche per la "timidezza" di gran parte della magistratura. Trovo stranissimo che i democratici su questo non sappiano replicare alle falsità assolute dei berlusconiani. Lo ammettano. La magistratura è politicizzata. Infatti Berlusconi non ha ancora fatto un giorno di galera. Vige l'ineguaglianza dei cittadini di fronte alla legge.