domenica 20 novembre 2016

Lui solo?

Una riflessione serena sull’ultima narrazione renziana, a Matera. Dice il segretario premier: “
Se viene fuori un’accozzaglia di tutti, tutti contro una sola persona…” Cerco allora il significato di “accozzaglia su Treccani: accozzàglia s. f. [der. di accozzare]. – Turba confusa di persone spregevoli, o massa discordante di cose: a. di gente varia d’età e di sesso (Manzoni); un’a. di loschi individui; a. di oggetti di ogni genere.
Bene. Se il segretario-premier-titolare del sì ha letto Treccani a riguardo, intendeva offendere molto pesantemente. Dubito un tantino solo perché a volte ho l'impressione che Renzi usi termini a sproposito solo per ignoranza. L'ho notato soprattutto nell'uso di "burocrazia" riferito al confronto parlamentare. Non conosce molte parole. Usa le poche che conosce. E questo gli giova perché poche parole (anche sbagliate) si imprimono nella mente altrui assai più delle molte parole e sfumature di Civati. Questa volta ha scelto bene e con efficacia. Anche le repliche di Civati e di molti amici sono corrette ed efficaci. Denunciando l'accozzaglia renziana (Civati) o ricordando l'accozzaglia resistenziale contro il fascismo. D'accordo con tutti. Mi fermerei un attimo però sul resto della frase. "Contro una sola persona..." Tutti contro uno. Così Renzi percepisce la battaglia. "Tutti, tutti (ripetuto) contro uno". Scommetterei che lì in quel "una sola persona" Renzi abbia commesso una gaffe. Ha detto quel che pensa ma che avrebbe preferito non dire. Immagino aspre proteste della ministra delle riforme, di Napolitano, di Orfini e dei tanti impegnati nel fronte del Sì. "Tu solo? Noi non contiamo niente"? Credo nelle proteste se lì c'è ancora una comunità di teste pensanti, dotate di sufficiente autostima.