venerdì 16 dicembre 2016

L’epidemia bulimica

Mi sforzo sempre di immedesimarmi negli altri, soprattutto in chi delinque. Non per giustificare alcunché. Solo per esercitare le mie capacità empatiche. Per capire. Ci riesco quasi sempre. Entro nei panni di ladri e assassini. E poi ne esco tranquillamente. Ma, appunto, qualche volta non ci riesco. Non ci riesco proprio coi corrotti e imbroglioni benestanti, se non milionari. A che diavolo serve vendersi per un milioncino, se di milioni ne hai già 5 o 10? Che diavolo di calcolo si fa rischiando di compromettere carriera e tutto e di passare anni in galera anziché negli hotel di lusso cui si era abituati? Pare che siamo secondi o terzi in Europa secondo varie indagini, per corruzione. Peggio di noi la Bulgaria o per altri la Grecia. Non riesco a credere ad un dannato Dna italico e non riesco a credere neanche ad un accanimento giudiziario. Prendo atto esterrefatto e basta.