sabato 11 novembre 2017

Breve nota dalla manifestazione di Ostia


All'inizio eravamo pochini: non più di 500. Ed ero piuttosto allarmato. Il corteo è cresciuto fino a un paio di migliaia, man mano si attraversava il centro quieto, elegante e liberty e poi si andava peri il lungomare verso l'altra Ostia, quella di CasaPound e dei clan, che oggi appare come l'unica Ostia. Il consueto popolo dei manifestanti: pochi in età lavorativa, proletari assenti; presenti giovani liceali e universitari, qualcuno rasta, e persone mature, uomini e soprattutto donne in look morettiano, in apparenza ceto medio colto e nostalgico. Tamburi e slogan contro mafia e fascisti e qualche rivendicazione sociale: contro gli sfratti, contro l'assenza dello Stato che abbandono la periferia alle cosche. Ho intravisto solo all'inizio Virginia Raggi. E quindi un volto PD: Montino, sindaco di Fiumicino. E la candidata al ballottaggio dei 5Stelle. Poi ho potuto stringere la mano a Stefano Fassina ringraziandolo per la sua presenza. Non c'erano bandiere di parte. Inaspettatamente il corteo si è fermato un po' prima del feudo degli Spada. Sapevo invece che era in programma raggiungere la famigerata palestra. La polizia schierata a chiudere ogni via di accesso all'altra Ostia mi ha spiegato che l'organizzazione aveva deciso di fermare lì la marcia. Non ho capito a cosa servisse, in tal caso, il vistoso schieramento delle forze dell'ordine. Ho rinunciato a partecipare ad una sorta di sit-in in un umido giardino, tornando nel centro per premiare mia moglie, compagna di marcia, con la consueta krapfen squisita di Piazza Anco Marzio. Ho appreso ora che parte dei manifestanti ha violato la consegna dirigendosi verso la troppo celebre Piazza Gasparri, epicentro di Ostia Ponente.
P.S. Mi sono accorto, da disorganizzato recidivo, che la mia macchina fotografica era priva di scheda. Spero di poter trasmettere foto dal vecchissimo cellulare di mia moglie.