venerdì 10 novembre 2017

Perché e per chi manifesterò domani


Domani, sabato 11, ad Ostia manifestazione e corteo per la legalità. Il solito rituale? Forse. Comunque vi parteciperò. Perché nel dubbio è giusto scegliere ciò che è più scomodo. Non astenersi. Ostia è piacevole ed elegante nel centro (dove fortunatamente abito) e a levante, e degradata a ponente, territorio degli Spada e di CasaPound, quel ponente che prudentemente attraverso solo in auto, magari per raggiungere il porto turistico o il giardino che è il luogo dell'assassinio di Pasolini. Sbagliato dipingerla quale un omogeneo squallore, come oggi avviene. Ma più sbagliata la risposta irritata al dipinto parziale. Mi ricorda dinamiche note vissute nella mia Sicilia da cui mi separai anni fa. A difendere l'onore siciliano c'erano sempre i complici, consapevoli o no, della mafia. Come ora ad Ostia.
Ieri a Piazza Pulita ho apprezzato l'intervista ad un gruppo di adolescenti ostiensi simpatizzanti per CasaPound. Questi ragazzi non sanno proprio da cosa sono mossi. Il più brillante (che parlava quasi l'italiano), pressato, cercava di darsi risposte, ma non ci riusciva. "E' il colore della pelle che ti dà fastidio"? "Non so". "Ci piace insultare i neri". "Perché"? "Non so". Ecco, manifesterò soprattutto per loro. Per una buona scuola tutta da inventare. Perché i nostri sventurati ragazzi siano aiutati a capire perché insultano i neri. Giacché quando lo capiranno non insulteranno più. E si mobiliteranno contro l'ingiustizia che consegna Ostia ponente alla famiglia Spada che sostituisce lo Stato assente, anche con i pacchi alimentari e le palestre.